search intent e intento di ricerca

Come utilizzare l’intento di ricerca per la tua attività

Scopriamo insieme come scegliere le keyword del tuo sito web in base al search intent o  “intenzioni di ricerca” per comprendere l’intento di ricerca di un utente e come possiamo usarlo.

Cos’è il search intent ovvero intento di ricerca?

L’intento di ricerca, a volte noto anche come intento per parola chiave, è l’obiettivo di ricerca finale che effettua una persona che utilizza un motore di ricerca. Con gli algoritmi di Google e Google Hummingbird RankBrain, il motore di ricerca è in grado di interpretare i risultati di ricerca di intenti (search intent) e di visualizzazione che soddisfino tale intento di ricerca. L’intento della parola chiave può anche descrivere le parole chiave utilizzate da potenziali clienti e lead in varie fasi della canalizzazione di conversione in parole più semplici, anche un probabile cliente utilizzerà alcune di queste parole chiave che poi porteranno al contatto. Poiché gli utenti cercano, elaborano e utilizzano i risultati di ricerca in modo diverso in base al loro obiettivo finale, la comprensione e l’ottimizzazione dell’intento di ricerca è estremamente importante per la SEO e più in generale per il marketing digitale quindi: Google Ads e strumenti SEM affini.

Le principali tipologie di intenti di ricerca:

  • Per andare da qualche parte. L’utente vuole trovare una pagina o un sito specifico (pensa alla tua prozia che cerca “Facebook” su Google invece di andare su facebook.com). Sono dominati da parole chiave di marca.
  • Per sapere qualcosa. L’utente desidera rispondere a una domanda specifica. Queste domande includeranno “come fare”, “cosa è”, “dov’è”, “perché fare” e altri interrogativi.
  • Fare qualcosa. L’utente desidera completare un’azione (conversione). Questo non è limitato solo agli acquisti. Potrebbe essere un’iscrizione via e-mail, l’invio di un modulo di generazione di lead, una visita in negozio o una telefonata informativa. Ovviamente, alcune di queste “cose” potrebbero essere difficili da misurare in analisi, ma ciò non significa che non siano importanti!
  • Per non pagare qualcosa. Chiamiamo queste “parole chiave gratuite” ed è altamente improbabile che questi utenti si convertano ora o nel prossimo futuro. L’utente sta cercando un prodotto, un servizio o una risorsa gratuiti.

Come esempio pratico, dai un’occhiata a queste tre domande:

  • Macbook Pro prezzi
  • Come usare il mio macbook pro
  • Ricondizionati macbook pro 2020

Un utente che cerca ciascuna di queste query avrà aspettative molto diverse per la propria pagina di destinazione.

Come ottimizzare per l’intento di ricerca

Quindi l’ottimizzazione dell’intento di ricerca può essere ridotta in: creare pagine che rispondano alle domande dell’utente o che ne consentano una transazione eventuale. Non è complesso ma al contempo ci sono alcune buone linee guida quando si tratta di ottimizzare una pagina per search intent con per “diversi intenti”.

Ottimizzazione dell’intento informativo

Come accennato in precedenza, queste domande includeranno interrogativi come “cos’è” o “come”. Possono anche includere modificatori che indicano l’intento informativo come “storia di”, “significato di” o “età”.

La chiave per ottimizzare l’intento informativo è utilizzare le domande complete nel contenuto più importante della pagina:

  • Titoli di pagina
  • Tag di intestazione HTML: <h1> e <h2>
  • Primo paragrafo del contenuto
  • Descrizioni

Quindi, quando rispondi alla domanda, metti la copia del corpo contenente la risposta direttamente sotto l’intestazione contenente le domande.

Quindi, qualcosa del genere:

<h1> Che cos’è l’intento di ricerca? </h1>

<p> L’intento di ricerca, a volte noto anche come intento per parola chiave, è l’obiettivo finale della persona che utilizza un motore di ricerca. </p>

Quando si risponde a una domanda “come fare per”, strutturare il contenuto in modo che il tag <h1> contenga la query (chiave di ricerca), quindi inserire ogni passaggio del processo in un tag <h2>:

<h1> Come cucinare un uovo fritto</h1>

<h2> Metti una padella sul fuoco e lasciala riscaldare a fiamma media. </h2>

<h2> Mentre la padella si riscalda, ungila con olio o burro. </h2>

<h2> Lascia che la padella si riscaldi finché l’olio o il burro non diventerà caldo, ma non dovrebbe imbrunirsi. </h2>

<h2> Rompi il primo uovo in un piattino o una ciotolina e versalo nel contenitore, ma puoi anche metterlo a friggere direttamente. </h2>

<h2> Lascia che le uova si cuociano senza toccarle. </h2>

Continuando così e una volta identificati i punti di maggior interesse, descrivi in modo accurato ogni titolo <h2>, es:

<h2> Metti una padella sul fuoco e lasciala riscaldare a fiamma media. </h2>
<p> Utilizzane una abbastanza capiente da permettere alle uova di avere spazio a sufficienza per la cottura. Una padella dal diametro di 20 cm è perfetta per un uovo, mentre te ne servirà una dal diametro di almeno 30 cm per cuocere 2-3 uova alla volta </p>

Ottimizzazione degli intenti transazionali

La chiave per l’ottimizzazione per l’intento di ricerca transazionale è rendere palesemente chiaro come l’utente può convertire e cosa significherà per loro la conversione.

Una pagina di destinazione transazionale dovrebbe seguire questi principi:

  • CTA chiaro: il CTA: Call to Action; deve essere chiaro, ovvio e accattivante. Dovrebbe risaltare rispetto al resto della pagina, essere la prima cosa che attira l’attenzione dell’utente e rendere evidente cosa farà clic sul pulsante.
  • Design chiaro: i visitatori del sito web formano le loro opinioni su una pagina in meno di un secondo e il 95% di queste opinioni si basa sul design visivo. Trasmetti il ​​tuo messaggio con il minor numero di parole possibile e utilizza immagini per esprimere il valore e i vantaggi della tua offerta.
  • Testo: quando scrivi il testo della descrizione del prodotto per intenti transazionali, concentrati sul creare di fiducia, sulla creazione di un legame emotivo e sulla semplificazione del processo decisionale per il lettore.

Infine, cerca di mantenere il tuo processo di conversione il più breve e umano possibile. Limita i moduli solo alle informazioni effettivamente necessarie per la conversione e consolida il più possibile sulla pagina di destinazione (creazione di account, download di file, iscrizioni a newsletter, form di contatto, richiesta di informazioni etc.).

Come utilizzare l’intento di ricerca per la tua attività

Ovviamente, le query transazionali saranno il tuo primo pensiero quando si tratta di mirare all’intento. Il bello dell’intento di ricerca è che ognuno di questi, rappresenta un’opportunità per la tua attività, indipendentemente da ciò che effettivamente fa.

  • Navigazione: queste sono scelte facili, ma devi ancora scegliere. Assicurati di avere pagine di destinazione per i tuoi prodotti, servizi e altre offerte. Ottimizza quelle pagine utilizzando nomi di prodotti e marchi nei tag del titolo, nelle meta descrizioni e nelle intestazioni HTML.
  • Informativo: queste query costituiscono la stragrande maggioranza delle ricerche eseguite su Google, quindi non puoi permetterti di ignorarle. Considera queste domande come un’opportunità per acquisire leads da convertire in un secondo momento, affermare il tuo marchio come un’autorità e rendi le persone consapevoli di ciò che hai da offrire.
  • Transazionale: Ok, queste sono le query che generano monetizzazione. Crea pagine di destinazione per questi che consentono agli utenti di effettuare la transazione / conversione direttamente sulla pagina di destinazione. Ciò significa moduli di iscrizione, moduli di invio di lead o pulsanti di aggiunta al carrello.
  • Gratuiti: se offri versioni gratuite dei tuoi prodotti / servizi, ovviamente crea pagine per indirizzare queste query. Anche se non lo fai, puoi comunque ottenere valore da questi utenti. Curare elenchi di risorse gratuite. Proprio come con le query informative, puoi utilizzare queste query per la consapevolezza del marchio / offerta e la generazione di lead.

Vantaggi SEO del targeting per intento di ricerca

L’intento di ricerca è una parte enorme del modo in cui la SEO semantica offre risultati di ricerca più pertinenti agli utenti. Quindi una migliore ottimizzazione degli intenti si traduce in un traffico più pertinente e qualificato al tuo sito web.

Ovviamente, questo significa migliori tassi di conversione per le tue pagine di destinazione transazionali, ma si tradurrà anche in aumenti anche alle pagine informative:

  • Frequenza di rimbalzo ridotta: le persone ottengono effettivamente ciò che vogliono, quindi rimangono sulle tue pagine.
  • Più visualizzazioni di pagina: soddisfare l’intento di un utente lo rende più propenso a interagire con il resto del tuo sito web.
  • Più caselle di risposta: avere i tuoi contenuti selezionati per gli snippet di funzionalità di Google può essere un grande vantaggio. Consente alle tue pagine di posizionarsi in posizione 0 sopra il primo risultato di ricerca.
  • Copertura del pubblico più ampia: uno dei grandi vantaggi dell’ottimizzazione dell’intenzione è che Google è abbastanza intelligente da interpretare più query come aventi lo stesso argomento e intento. Ciò significa che mostrerà la tua pagina ottimizzata per intento per molte più query ed eventuali long tails.

Questi vantaggi sono ciò che rendono l’ottimizzazione degli intenti così potente. Fallo bene e vedrai un pubblico più ampio, traffico più qualificato e migliori metriche di coinvolgimento per i tuoi contenuti aumentando in modo considerevole la qualità del tuo sito web.

Preventivo SEO

Le pagine web del tuo sito internet sono ottimizzate per l’intento di ricerca?

Se non stai già ottimizzando le pagine per l’intento di ricerca, dovresti iniziare ora. L’esecuzione di un controllo SEO approfondito che incorpora analisi e dati di Google Search Console ti aiuterà a identificare i contenuti che Google considera già corrispondenti alle intenzioni dell’utente e le opportunità per creare contenuti ottimizzati. E se non sai come farlo o preferisci che se ne occupi una agenzia SEO allora contattaci senza impegno e valuteremo insieme la qualità dei contenuti sul tuo sito.

    Richiedi il tuo preventivo gratuito

    Ricordiamo che inviando la richiesta, con il preventivo SEO si autorizza artwork ™ al trattamento dei vostri dati personali. Privacy Policy

    Usa i nostri SEO Tools

    Comparatore gratuito delle SERP per l’intento di ricerca

    Nel frattempo se credi di poter migliorare i tuoi contenuti autonomamente allora ti consigliamo di utilizzare un nostro tool davvero molto interessante. Il comparatore di SERP permette di verificare se per due query di ricerca, i risultati nelle SERP di Google siano simili e quindi, con stesso intento di ricerca. In caso non fosse così allora il consiglio sarà quello di creare due contenuti e pagine di approfondimento distinte.

    Web Agency Milano · Agenzia di comunicazione · Web Marketing Milano · Creazione siti web · Creazione sito Aziendale · Realizzazione siti internet · Restyling sito · Creazione siti mobile · Creazione logo · Produzione video